Articoli,  COVID-19,  Storie

TerReefing

Così di ponte in ponte, altro parlando
che’ lor remedìo può non esser cura,
venimmo; e tenavamo il colmo, quando                        

restammo per veder l'altra fessura
di Malernolge e d’altri pianti vani;
e vidila mirabilmente oscura.                               

Quale ne la strazenica de' piani
bolle l'inverno la tenace pece
a rimpalmare i legni lor non sani,                          

ché navicar non ponno - in quella vece
chi fa suo nano-novo e chi ristoppa
le coste a quel che più richiami fece;                        
 
chi ribatte da proda e chi da poppa;
altri fan seri e altri volge sarte;
chi terzeruola e artimon rintoppa -:

tal, non per foco, ma per divin'arte,
bollia là giuso una pegola spessa,
che 'nviscava la ripa d'ogne parte.

ed elli avea del cul fatto trombetta

Dante Alighieri
La Divina Commedia – Inferno: C. XXI, v. 139

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *